• en
  • it

Sostenibilità

Il lavoro nella vigna è quello che più di tutti può far comprendere che la terra è un “dono” all’uomo; egli non è il proprietario; ne ha diritto d’uso e di rispetto.
(Silvano e Massimo)

È questa la filosofia con cui abbiamo raccolto il frutto delle nostre colline  e delle nostre fatiche per creare un vino che racchiude in sé il “DONO” della terra e di chi ci ha donato questa azienda per portare avanti una passione che sia sempre più ecosostenibile e rispettosa dell’ambiente.

In linea con questa idea non utilizziamo  diserbi chimici in modo da mantenere vivo il manto erboso ed avere delle erbe utili all’ecosistema. Inoltre lasciamo crescere l’erba tra i filari in modo che i fiori possano maturare e lasciare cadere i semi e questo ci aiuta a muoverci meglio dopo le piogge.

Dissodiamo il terreno sotto le viti, nei primi 7 – 8 anni dall’impianto, aggiungendo letame dopo la vendemmia. Questo permette anche una migliore traspirazione del terreno che agevola molto le giovani viti.

Abbiamo sottoscritto l’impegno portato avanti dal Consorzio Conegliano Valdobbiadene di applicare, in forma volontaria, le indicazioni del Protocollo Viticolo. Seguendo queste indicazioni utilizziamo  sempre i prodotti per la difesa delle viti che hanno il più basso impatto ambientale .

Abbiamo inoltre una centralina meteo  che ci permette di essere precisi nei tempi di intervento al fine di ridurre il numero di trattamenti. Avendo a disposizione i dati precisi di temperatura, umidità, quantità di pioggia e bagnatura fogliare possiamo calcolare il momento adeguato per eseguire gli interventi di difesa. Controlliamo poi in  modo naturale gli insetti (tignole  e  tignolette) che altrimenti farebbero il nido all’interno dei grappoli e come conseguenza i vermetti, in uscita, andrebbero a lesionare  ed abbassare la qualità dei grappoli. Facciamo questo utilizzando dei laccetti a ferormoni, applicando il sistema della confusione sessuale.

Inoltre ci sono svariate pratiche agronomiche che mettiamo in atto allo scopo di ottenere il migliore equilibrio possibile tra viti e natura. Queste operazioni vanno dalla potatura mirata alla giusta carica di gemme, alla gestione della chioma durante la stagione vegetativa, la defogliatura post fioritura (dove necessario) per arrivare  fino alla vendemmia fatta rigorosamente a mano.

Per le caratteristiche uniche del terreno non ricorriamo neppure all’irrigazione. Questo certifica ulteriormente la qualità del prodotto che deriva solo dalle condizioni meteo, senza interventi  volti  ad alterare l’equilibrio naturale (aumento della produzione in mancanza di pioggia).

Abbiamo poi installato un impianto fotovoltaico che copre i nostri fabbisogni energetici e ci permette anche di cedere energia . Inoltre è presente anche un impianto di raffreddamento dei pannelli che mantenendo, nei mesi caldi, una temperatura controllata aumenta l’efficienza dell’impianto. L’acqua utilizzata è piovana, raccolta in una vasca e con ricircolo.

Queste linee guida ci permettono di gestire i nostri vigneti con estrema cura e rispetto per la natura e l’ambiente che ci circonda, consapevoli che questo nostro pianeta è l’unico che abbiamo e dobbiamo difenderlo!